No all’UE ma no anche all’iniziativa UDC!

ue_suisseI Verdi affermano che sosterranno l’iniziativa dell’UDC contro gli immigrati. Non sono gli unici: anche alcuni socialisti si sono avviati su questa strada pericolosa. La scelta di votare con la destra nazionalista è quella di lanciare un segnale a Berna e frenare il dumping salariale determinato dall’accordo sulla libera circolazione. Così dicono, ma forse non ci credono nemmeno loro: qualche voto in più facendo sparate torna però sempre comodo.

In effetti l’iniziativa UDC chiede ben altro: sottomissione dei lavoratori stranieri alle esigenze del padronato (che infatti preferisce sottopagare i frontalieri), restrizioni ai ricongiungimenti familiari (il caso del giovane Arlind di Giubiasco non dice già più niente?), tetti massimi di stranieri così da poter bloccare (andando contro il diritto internazionale!) i rifugiati che scappano da guerre spesso fomentate dai governi occidentali (come in Siria, a cui Berna ha partecipato indirettamente finanziando una riunione dei ribelli islamisti), ecc.

Davvero vogliamo soffiare – addirittura da “sinistra” (?) – sul fuoco della guerra fra poveri e dell’odio allo straniero-capro espiatorio che “ruba il posto di lavoro” legittimando un perverso nazionalismo solo perché così si darebbe un “segnale” ai neo-liberisti di Berna e all’Unione Europea? Invitare un elettorato progressista ad assumere posizioni palesemente nazionaliste e anche un po’ xenofobe, equivale a regalare all’egemonia culturale della destra anche quegli ambienti che ne erano immuni.

Credo invece che la Svizzera dovrebbe ragionare invece – anche autocriticamente – sul proprio modello economico e sull’adeguatezza della propria formazione professionale che dovrebbe orientarsi a settori ad altissimo valore aggiunto per potere essere concorrenziale sul piano globale.

Quella dei Verdi e di alcuni socialisti è una mossa ben poco responsabile che produrrà sul lungo periodo effetti nefasti sull’economia nazionale (che non è autarchica!) e che non dispone del rapporto di forza sufficiente per poter …comandare Bruxelles (come qualcuno sogna). Di conseguenza saranno gli stessi diritti dei lavoratori ad essere messi in pericolo!

Come comunista, invece, non rinuncio ai valori di uguaglianza e solidarietà e mi oppongo votando No all’iniziativa contro l’immigrazione di massa il prossimo 9 febbraio, che non solo avrà seri problemi a livello di diritto internazionale, ma va ben oltre alla critica legittima alla liberazione circolazione.

Pubblicato il 31 gennaio 2014 su Movimento operaio, Politica federale. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: