La lista nera dei bassi salari

bassisalariLe imprese che vengono colte in flagrante “con paghe totalmente inaccettabili moralmente, devono essere denunciate pubblicamente e inserite in una black list di dominio pubblico”. Lo dice il presidente dei Giovani Liberali Radicali, Giovanni Poloni, proponendo una lista nera dei padroni che ai lavoratori versano “salari cinesi” (termine, quest’ultimo, usato anche da ambienti sindacali).

Ora: a me non piacciono i paragoni che denigrano paesi che si trovano dall’altra parte del globo e che dispongono di un’economia molto diversa dalla nostra (e per di più in crescita), ma se di Cina vogliamo proprio parlare, ebbene ci sarebbero tre questioni sancite dalla legge cinese che in Svizzera non esistono (ancora) e che mi sembrano alquanto significative: 1) il salario minimo legale; 2) i contratti collettivi di lavoro ampiamente diffusi e vincolanti; 3) il divieto di licenziamento per quei lavoratori dal cui salario dipende il sostentamento di un nucleo famigliare con persone a carico. Se vogliamo davvero fare un paragone con la Cina, quindi, ricordiamoci di questi tre diritti!

Ben venga, insomma, la “black list” proposta da Giovanni Poloni, ma sia chiaro che da sola servirà a ben poco e che i problemi non si risolvono giocando semplicemente sull’immagine: qui non si tratta di paghe “moralmente” inaccettabili, bensì di sfruttamento materiale e di persone che non arrivano a fine mese! Gli imprenditori che sottopagano i propri dipendenti non sono furbacchioni a cui tirare le orecchie, sono dei delinquenti che, per i loro meschini interessi e profitti, minano la stabilità sociale del Paese e ne impediscono l’uscita dalla crisi.

Per questo occorre introdurre per legge, e subito, i salari minimi generalizzati a Fr. 4’000.- mensili lordi per un’occupazione a tempi pieno di 40 ore settimanali. Poi altro che “black list” per chi non li rispetta! Il padronato in Svizzera è fin troppo coccolato: sgravi fiscali per anni, privatizzazione di ampia parte dei servizi pubblici, una legge del lavoro fra le più permissive e – appunto – “liberali” del mondo e diritti sindacali estremamente modesti. E’ ora di invertire la rotta!

Sono d’accordo i giovani liberali-radicali di battersi con i comunisti per istituire sia la black list sia delle leggi chiare come quelle elencate sopra? Da parte nostra ci sarà la massima apertura al dialogo per ottenere tali diritti sociali, altrimenti si rischia solo di fare del bla-bla. Il che sarà anche un bell’esercizio di dialettica, ma la crisi impone scelte immediate, tangibili e molto materialiste, non solo morali.

Pubblicato il 19 aprile 2013, in Movimento operaio, Politica cantonale con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: