La nuova stazione di Bellinzona e le Officine FFS

stazionenuovaIl progetto per la nuova stazione di Bellinzona si è arenato: le ragioni non dipendono dalle FFS, ci tengono però a precisare! Sarà… ma la parola del CEO Andreas Meyer per noi non vale più molto, perlomeno dal 2008. Nella sua ultima seduta il legislativo comunale di Bellinzona si è chinato sul problema, ma ha escluso forse una chiave interpretativa che andava perlomeno tenuta in considerazione e che è alla base delle nostre preoccupazioni di consiglieri comunali di due comuni molto legati alle Officine FFS.

È ormai abbastanza chiaro, pur tra le varie titubanze, come le FFS vogliano valorizzare la ferrovia ticinese (in senso lato) puntando unicamente sul settore del trasporto passeggeri per le tratte medio-lunghe. Tutto questo nell’ottica, forse, di “trasferire” le attività del settore merci (Cargo) in altri luoghi ed evitando il centro di competenze che cittadini e maestranze hanno chiesto a gran voce durante lo sciopero. Guarda caso, proprio nei medesimi giorni in cui si arenava il progetto di nuova stazione, le Officine FFS venivano messe nuovamente sotto attacco dal gruppo di lavoro “Area” (cui partecipano scelleratamente personaggi della politica ticinese da destra a “sinistra”). È vero: le FFS hanno gettato la spugna, tuttavia non lasceranno sicuramente perdere la questione, soprattutto se vi fossero dei particolari sviluppi nel progetto di riqualifica della zona industriale delle Officine in quartiere residenziale, come auspicato dal presidente del PLR Rocco Cattaneo, dall’ex-Consigliera di Stato del PS Patrizia Pesenti, ecc. Un progetto vergognoso e speculativo che nelle ultime settimane ha suscitato giustamente tanta indignazione nella nostra regione!

Fantasie? Non proprio: gli stessi membri del gruppo “Area” hanno ammesso che il rifacimento della stazione (e la sua più ampia riconversione in stazione per passeggeri con annessi spazi commerciali) sia un motivo valido da aggiungere alla lista, proprio nell’ottica di uno spostamento (leggi: smantellamento) delle Officine. Una correlazione diretta, insomma! “Area” non è composto dai primi che capitano, ma da persone che hanno contatti organici con Berna: il fatto che non si siano chinati più di quel tanto sul “problemino” relativo al rifacimento della stazione è la dimostrazione di come essi fossero al corrente del fatto che la decisione delle FFS non fosse definitiva, e infatti non lo è!

  • Questo articolo è stato scritto con Mattia Antognini, consigliere comunale di Roveredo ed è stato pubblicato sul quotidiano “LaRegione Ticino” il 2 gennaio 2013 (PDF).

Pubblicato il 2 gennaio 2013 su Politica comunale, Politica federale. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: