Aggregazioni comunali e democrazia

Fra i temi che animano attualmente i dibattiti politici vi è quello delle aggregazioni comunali. Dibattiti, questi, affrontati spesso in modo purtroppo poco progettuale: come non ha senso avere sul territorio cantonale delle realtà comunali composte di poche decine di cittadini, così è improponibile l’esempio di Lugano, che si sta ingigantendo quasi a diventare un “semi-cantone”. Ciò che risulta certo, è che il progresso sociale non risiede necessariamente in blocchi di potere politico-economico sempre più ampi, ma – come scriveva Erika Vögeli nel 2009 – “in una meditazione su una convivenza in un regime di autodeterminazione, che corrisponda all’essere umano e alla sua dignità, cosa che viene resa possibile anche dalla democrazia diretta”.

Le aggregazioni comunali sono quindi da ritenersi opportune, quando portano alla razionalizzazione di eventuali sprechi, a una migliore gestione del piano urbanistico e territoriale, alle economie di scala e quindi all’estensione dei servizi pubblici. Qualora invece il processo fusionistico ambisca ad arrivare a un Ticino di una manciata di comuni (come paventato da Manuele Bertoli, allora presidente del PS) significherebbe perdere completamente di vista la funzione stessa dell’ente locale, cioè la prossimità col cittadino. Oltre a ciò significherebbe sostanzialmente togliere potere alla borghesia periferica per rafforzare la grande borghesia urbana, il che non si può proprio definire un obiettivo di una seria politica di sinistra. Inutile infatti ricordare che la suddivisione in macro-regioni è comunque un’impostazione in atto un po’ in tutta l’Unione Europea e non è certo ostacolata dal grande capitale multinazionale.

Insomma occorre analizzare i progetti aggregativi caso per caso, concentrandosi sull’analisi politica vera e propria per evitare di finire nel mero campanilismo (e nel galoppinaggio) d’altri tempi, così come – sull’altro versante – bisogna rifiutare un calcolo unicamente economicista per accentrare maggiormente il capitale, senza prestare attenzione alla vivibilità della popolazione.

Pubblicato il 4 aprile 2012, in Politica comunale con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: