Morti per sperimentare il cameratismo

Quando l’anno scorso accadde il dramma della Jungfrau, dove morirono alcune reclute in servizio di leva, avevo discusso con un ufficiale dell’esercito, il quale mi spiegava come si fosse trattato di una pura fatalità e di come occorra capire che, nella difesa della patria, si possa anche perdere la vita. In quel frangente ho tagliato corto dicendo che la patria non era in pericolo e che ormai ero immune dalle parole vuote che produce l’apparato di propaganda dell’esercito. Fortunatamente anche altre persone, certamente non antimilitariste, ebbero modo in quel periodo di esprimere il proprio disagio verso la mancanza di “saggezza” di taluni graduati che assumono i tratti di veri e propri esaltati di guerra.

Poco meno di un anno dopo, ci ritroviamo a parlare di un’altra tragedia: questa volta sono soldati in corso di ripetizione morti in un incidente in gommone. Si trattava – spiegano i portavoci militari – di una formazione atta a “migliorare lo spirito di gruppo”. Migliorare il cameratismo… in canotto? Va bene che l’esercito è il mondo dell’assurdo, ma a militare, di solito, il cameratismo (quando non si tramuta in nonnismo) lo si rafforza fra una bevuta e l’altra durante i congedi!

Il responsabile delle Forze aeree (e anche un po’ nautiche!), che recentemente ha avuto il buon gusto di rassegnare le dimissioni, non si sapeva spiegare il motivo per il quale si stesse procedendo con un addestramento non contemplato negli incarichi di quell’unità. Sorge un dubbio: stiamo parlando del ricco esercito semi-professionista di nostra madre patria, oppure di una compagnia scout un po’ disorganizzata? E non finisce qui: un esperto di rafting e il sindaco della località hanno definito nientemeno che “irresponsabile” lavorare in un tratto di fiume noto per la sua pericolosità e addirittura considerato “tabù” per chi conosce minimamente quella disciplina. Un addestramento, insomma, da far invidia ai marines americani! Molto toccanti, infine, le parole del ministro della difesa Samuel Schmid; puro sarcasmo: “Auguro ai militi coraggio, forza e fiducia”. Fiducia in cosa, signor consigliere federale? Fiducia nei Rambo in griogioverde? O forse fiducia in un governo che scioglie la Commissione militare di prevenzione per non infastidire i generali?

Per non prestare servizio militare, oggi in Svizzera, bisogna dimostrare, di fronte a una commissione inquisitoria, di soffrire di un grave conflitto etico, morale e di coscienza nel fare del male a qualcuno con un FAss90. Chissà se da ora in poi si potrà rifiutare la naja adducendo, oltre alla tutela della personalità, anche la … legittima difesa?! Il nostro esercito, che una volta era atto alla difesa dei confini, della neutralità, del ridotto nazionale, e che di tanto in tanto sparava contro il proprio stesso popolo, soprattutto se si trattava di operai in sciopero, ci tiene oggi a mostrarsi alla pari di altre forze armate che per obiettivo hanno invece quello di invadere paesi non ubbidienti alla NATO. Un controsenso? No, affatto: più una cosa è inutile, infatti, più deve costruirsi un’immagine forte. E, come spiegava Max Frisch nel suo “Svizzera senza esercito? Una chiacchierata rituale!” (un testo che ricordo con piacere di aver portato all’esame di maturità), quando manca un nemico per compattare una società in crisi, esso va semplicemente creato e inculcato (tramite i media e la scuola) nell’immaginario collettivo. Prima i russi che volevano sovietizzarci, poi i terroristi islamici e gli immigrati che “rubano il lavoro”, e presto, probabilmente, anche un miliardo di cinesi che mettono in ginocchio il sistema produttivo e consumistico di un Occidente in declino.

Pubblicato il 26 giugno 2008, in Politica federale con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: