Depresso, paranoico e miracolato…

“Liberazione? E’ un giornale di regime!” La forte espressione è stata usata da Fulvio Grimaldi in una recente conferenza organizzata a Bellinzona dal Partito Comunista e dall’Associazione Svizzera-Cuba. Non a torto, si direbbe, se pensiamo che proprio dal quotidiano di Rifondazione comunista fu licenziato Grimaldi a cause delle sue posizioni coerentemente anti-imperialiste su Cuba, sull’Iraq e sulla Yugoslavia. E non a torto, osservando la linea editoriale deleteria che da ormai diverso tempo imperversa sulle pagine di quel giornale: per citare un solo esempio gli articoli contro Cuba e contro il Venezuela, che hanno suscitato una marea di proteste dalla base del partito.
Se Rifondazione, attraverso il suo giornale, opera un processo di liquidazionismo storico e di revisionismo ideologico ormai ad uno stadio avanzatissimo, la base non sembra disposta a farsi indottrinare dal nuovo corso in salsa neo-bertinottiana: è il caso di Roberto Iacovacci che giustamente si scandalizza del contenuto di un articolo firmato Franco Berardi dedicato a Lenin che avrebbe dovuto spiegare come e perché si sia verificata la Rivoluzione d’Ottobre.
Essa si sarebbe verificata non di certo per le dure condizioni di vita del popolo russo, nè tantomeno per la disastrosa guerra che impoveriva ulteriormente quelle genti – srive Iacovacci – il problema pare fosse tutto nello stato depressivo del povero Lenin, che elevò il “culto paranoico del partito” a “incarnazione del logico destino della Storia”. Poveri contadini delle steppe, soldati mandati al massacro, servi della gleba in catene: pensavano di lottare per il socialismo e per la propria liberazione e non si rendevano conto che quelle idee promulgate da Vladimir Ilic correvano così veloci perché “hanno voluto interpretare l’ossessione volontaristica del maschio di fronte alla depressione”. Le virgolette indicano evidentemente quello che Liberazione, quotidiano che si reputa comunista, ha pubblicato. Iacovacci continua insistendo giustamente sul fatto che il giornale di Rifondazione ormai non esita a continuare la pubblicazione di articoli palesemente anticomunisti. Ma per leggerne preferiamo abbonarci a un giornale di destra, almeno loro sono professionisti nel denigrare la nostra storia!

Pubblicato il 19 dicembre 2007, in Internazionale, Movimento operaio con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: