Cambiare nome per cambiare politica

Marx e LeninQuesto è il titolo di una mozione congressuale di cui sarò relatore, con la quale si chiede al Partito del Lavoro (PdL) di modificare la propria denominazione e di riprendersi il nome originario di Partito Comunista. Una proposta che, però, non può limitarsi al mero cambio di etichetta, ma che deve presupporre una modifica sostanziale del modo di fare politica del PdL, finora troppo ligio ad una visione di – come ha scritto Beat Wyss – “cugino birichino del Partito Socialista”: una mozione che chiede, nel solco del 18° Congresso del 28 maggio 2006 (Osogna), un rinnovato spirito di indipendenza di classe e di identità marxista al partito storico dei comunisti ticinese.

Pubblicato il 5 settembre 2007, in Movimento operaio con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: