Io, internet e il Liceo di Bellinzona

Il mio primo contatto con il Mac, il tradimento per Windows e le esperienze on-line.

Mi sono avvicinato al computer nel 1994, quando frequentavo la seconda classe presso le Scuole Medie di Bellinzona 1. Nell’aula 5 si riuniva la redazione dell'”Ora Buca”, il giornalino della scuola, davanti ad una decina di Apple Macintosh che andavano dai Plus (1987) ai Performa 5200 (1993). Un anno più tardi iniziai a frequentare l’opzione di informatica con il prof. Montella, dal quale ho ereditato l’amore per i pc basati sul MacOS. Nel 1997 iniziai gli studi superiori presso il Liceo Cantonale di Bellinzona, che disponeva di una sgangherata rete di workstation Windows NT, il cui unico pregio era quello di essere un buonissimo esempio di instabilità di sistema. Ciononostante fu con 486-dx2-66 MHz che entrai per la prima volta in Internet. E in questo primo passo fu il mio amico Giuliano Morandi ad accompagnarmi insegnandomi a conoscere il browser Netscape Navigator 3 Gold e a farmi capire il funzionamento del motore di ricerca Altavista, che allora ancora esisteva in due versioni: Altavista.telia.com ed Altavista.digital.com. Il mio interesse crebbe man mano finché ebbe il suo massimo nel marzo 1999, allorquando mi iscrissi, con Morandi, presso la comunità Tripod Italia, che offriva allora 12 MegaByte gratis per la costruzione di un proprio sito. Nacque così Morray (http://utenti.tripod.it/morray) con l’intento di essere un sito fuori dal comune, una sorta di ultimo spazio di democrazia e di libertà per gli studenti del già citato liceo, in cui ci sentivamo un po’ rinchiusi. Morray nacque come il “sito web di Max Ay & Giuliano Morandi, liceali controcorrente”. E se agli inizi questa nuova esistenza internettiana era passata inosservata, poco più tardi ci accorgemmo che aveva iniziato ad essere un elemento di disturbo per qualche docente poco abituato a subire critiche dagli studenti. Morray si sviluppava essenzialmente grazie alla pagine prefabbricate messe a disposizione dalla Comunità Tripod Italia (le famose Quick Page), in seguito, acquisendo noi maggiore dimestichezza con certuni software, si utilizzò soprattutto Netscape Composer presente nel pacchetto Communicator 4, così come Microsoft FrontPage Express che veniva allegato al sistema (anch’esso pessimo) Windows 98. Non mancano eppure esperimenti di buon successo con il Claris Works 5 per il MacOS 8.1, che potemmo usare su una macchina Apple iMac 233 MHz del 1998, e altri, invece più stentati, creati per sfida tutto in codice HTML con il blocco note di Windows. Il 14 febbraio 2000 sentii l’impulso di dedicarmi alla gestione di un sito a contenuto più strettamente politico, senza dover per forza concedere par condicio, come invece era il caso in Morray. Con la collaborazione di alcuni amici, Cava, Columbamo, Berti, organizzai il sito del Liceale Socialista (http://utenti.tripod.it/ps_sp), spazio di discussione e di propaganda per il non foltissimo gruppo degli studenti di sinistra del nostro liceo. La gestione del Liceale Socialista e di Morray continuarono parallelamente finché nell’ottobre 2000 i rapporti con la direzione dell’istituto scolastico si incrinarono a tal punto da costringerci a nascondere il sito ribelle per qualche mese. Fummo bombardati dalle richieste di riapertura di nostri utenti. Purtroppo il duro diverbio con il direttore del liceo aveva lasciato le sue tracce, tanto da dividerci, il sottoscritto e l’amico Morandi, per quanto riguardava la poltica da seguire. Il risultato fu che, entrambi consci delle possibili vendette degli insegnanti, decidemmo di sciogliere la nostra alleanza e di dichiarare definitivamente chiusa l’esperienza di ribellione studentesca on-line di Morray. L’Autogestione studentesca del 2001 presso il Liceo cantonale di Bellinzona diede il la per l’inizio di una nuova attività in rete, e cioé la creazione di un sito in cui si raccogliessero tutte le informazioni sul film “L’attimo Fuggente”, che io e l’amico Leo Beeli avremmo presentato ai nostri compagni. Non è un caso se il film di cui parlo riguarda anzitutto la scuola, e rende attenti i suoi spettatori sul rischio del conformismo, così come del nozionismo e della scolasticità, che ancora esistevano nella nostra scuola. Una scuola dominata da quelli che una volta erano i Sessantottini, e che ora invece si sono fatti integrare benissimo nella macchina del sistema che tanto disprezzavano. Su http://www.wsff.com/WSFF/home.asp?vCompID=48195 curai così la prima versione del sito, meramente informativa, che più tardi ebbe la sua espressione migliore in http://utenti.tripod.it/scuola3 . Poco prima avevo dato vita ad un progetto sul server Yahoo/Geocieties riguardante la salvaguardia della scuola pubblica ticinese, in un momento in cui mi trovavo particolarmente attivo nel Collettivo Studentesco Ticinese nella lotta contro l’iniziativa per il finanziamento pubblico delle scuole private. Accontonai l’idea non appena mi resi conto che il sito dell’Associazione Scuola Pubblica (http://www.castalia.ch/asp) e del Collettivo stesso (http://www.geocities.com/collettivostudentesco) rappresentavano già un buon livello informativo. D’altronde contribuii con ampie pagine sul Liceale Socialista.

Pubblicato il 25 gennaio 2001 su Ricordi personali. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: